Istituto per invecchiare bene Korian

I risultati della prima indagine europea sull’invecchiare bene

Mai come oggi gli anziani hanno avuto così tante forze fisiche per fare ciò che amano e sembrano voler sfruttare al massimo quest’opportunità. Nel 2013, l’analisi dei risultati di una prima indagine, condotta soltanto in Francia, aveva già mostrato come gli anziani, anche quelli di età più avanzata, avessero la sensazione di avere “una vita davanti”.

Riconoscere i segni di coscienza

Alcuni segni suggeriscono all’osservatore la presenza di un livello, magari minimo, di coscienza. Uno soltanto di questi segni è sufficiente per interrogarsi. Imparare a individuare i segni di coscienza di una persona può rilevarsi indispensabile in alcune situazioni.

L’igiene delle mani in casa di riposo

Un documento informativo sull’importanza dell’igiene delle mani in casa di riposo e sulle buone abitudini da acquisire.

Guida realizzata in collaborazione con il CNAM (Conservatorio francese di arti e mestieri) e con il supporto dei laboratori ANIOS.

La geolocalizzazione utilizzata per la libertà di spostamento in casa di riposo per anziani non autosufficienti

Tra giugno e settembre 2014 l’IBV (Institut du Bien Vieillir – Istituto dell’invecchiare bene) ha condotto una riflessione sulla libertà di spostamento in casa di riposo per anziani non autosufficienti. A questo scopo l’istituto ha richiesto la consulenza di diverse aziende sulla base di uno scenario di vita chiamato « Madame Hortense » (Signora Ortensia).

Il righello ÉVIBE, primo strumento di valutazione semplice e istantanea del benessere

Con il progetto ÉVIBE (ÉValuation Immédiate du Bien-être – Valutazione immediata del benessere) l’IBV (Institut du Bien Vieillir – Istituto dell’invecchiare bene) ha sperimentato in collaborazione con le case di riposo per anziani non autosufficienti del gruppo Korian uno strumento di valutazione immediata del benessere. Nell’ottica di miglioramento costante delle cure e della qualità di vita degli ospiti delle case di riposo per anziani non autosufficienti, si stava cercando di creare uno strumento di facile impiego per il personale curante e utilizzabile anche dai parenti degli ospiti.